I diritti del malato 1 – Il consenso informato

A molti sarà capitato di sottoscrivere un modulo di rilascio del consenso informato in vista dell’esecuzione di un accertamento medico, di un trattamento sanitario, o di un intervento chirurgico.

Il consenso informato – è bene chiarirlo da subito – non è una semplice formalità, ma l’espressione del diritto fondamentale di ogni persona ad essere informata in modo chiaro, completo e comprensibile sulle proprie condizioni di salute, sulle modalità di esecuzione, sui benefici e sui rischi connessi agli accertamenti ed ai trattamenti sanitari indicati dal personale medico, nonché sulle possibili alternative e sulle probabili conseguenze connesse al rifiuto, in modo da poter consapevolmente esprimere o negare la propria accettazione.

Nel riconoscere tale diritto, il nostro ordinamento ha dunque attribuito a chiunque debba sottoporsi ad accertamenti, interventi o cure, un ruolo attivo nella determinazione del percorso terapeutico.

Il paziente non è più un soggetto passivo, ma il vero protagonista di ogni scelta che possa avere ripercussioni sul proprio stato di salute, in quanto nessun trattamento medico o sanitario può essere iniziato o proseguito in mancanza del consenso informato, ossia dell’accettazione libera e consapevole della persona interessata.

L’acquisizione del consenso, salvi i casi determinati in cui la legge prevede espressamente la forma scritta (trasfusione di sangue ed emoderivati, trapianti, accertamenti HIV, ecc.), può avvenire anche tramite videoregistrazione o – per i portatori di disabilità – con dispositivi che ne consentano la comunicazione.

Di fatto, nella pratica quotidiana l’acquisizione del consenso informato avviene tramite la sottoscrizione di un modulo prestampato che viene sottoposto al paziente prima di ogni trattamento medico.

E’ tuttavia importante che tale sottoscrizione non si riduca a una mera formalità, ma che sia preceduta da una reale attività informativa da parte del medico, posta in essere con linguaggio chiaro e comprensibile, e che tenga conto delle condizioni e della preparazione della persona cui è rivolta.

Fornire informazioni incomplete o inesatte rappresenta per il medico una condotta negligente, e lo espone a ipotesi di responsabilità: il paziente che non riceve sufficiente informativa sui rischi specifici di un intervento chirurgico o di un trattamento sanitario può infatti agire nei confronti del professionista e/o della struttura di appartenenza al fine di richiedere il risarcimento del danno da lesione del diritto al consenso informato.

Formulare una domanda di risarcimento nei confronti di un medico e/o di una struttura sanitaria non è tuttavia affatto semplice: bisogna innanzitutto verificare se sussiste un danno risarcibile, e soprattutto se ed in che misura lo stesso può essere dimostrato in giudizio.

Si tratta insomma di un’attività nella quale non è ammessa improvvisazione, e per la quale è necessario rivolgersi ad un legale esperto nel settore della responsabilità medica.

Hai bisogno di aiuto su questo argomento?
Contattaci!

Questo articolo è stato redatto per ACQUiRENTi APS da:

GUGLIELMO ANGIONI

Avvocato

Studio Legale Angioni
Piazzale Loreto, 11
20131 MILANO

+39 02 49445437

ACQUiRENTi AL TUO FIANCO

ACQUiRENTi APS vanta una collaborazione con esperti di infortunistica stradale , i quali hanno il compito di tutelare i diritti di tutti coloro che hanno subito un danno materiale e/o fisico da sinistro stradale, adoperandosi per la corretta valutazione del danno stesso e l’ottenimento del giusto risarcimento. Oggi è sempre più fondamentale analizzare l’evento infortunistico sotto diversi profili, come ad esempio quello cinematico, ricostruttivo delle modalità del sinistro e, in caso di lesioni, quello interpretativo medico-legale per la giusta comprensione della tipologia di danno risarcibile. I nostri esperti saranno in grado di prospettare all’associato tutte le possibili soluzioni e quale procedura attuare al fine di ottenere il congruo risarcimento del danno materiale, biologico, morale e da congiunti (in caso di morte della vittima), nel minor tempo possibile, svolgendo per l’assistito tutto il lavoro necessario per assicurare la miglior tutela dei propri diritti.

#tituteloio

Registrati per sapere come possiamo aiutarti.

Per fruire nel migliore dei modi degli articoli e degli approfondimenti di questo sito, ti invitiamo a consultare le note legali.